L’aggravante del delitto commesso ‘in presenza del minore’ In nota a Cass. Pen., Sez. I, 14/03/2017, n. 12328

La Prima Sezione della Corte di Cassazione, con la sentenza 14/03/2017, n. 12328, ha affermato che la circostanza aggravante dell’essere stato il delitto commesso alla presenza del minore, nelle ipotesi previste dall’art. 61, n. 11 quinquies cod. pen., è configurabile tutte le volte che il minore degli anni diciotto percepisca la commissione del reato, anche quando la sua presenza non sia visibile all’autore del reato, se questi, tuttavia, ne abbia la consapevolezza ovvero avrebbe dovuto averla usando l’ordinaria diligenza.

L’aggravante di cui qui si tratta è stata introdotta dal D.L. 14/08/2013, n. 93, conv. in L. 15/10/2013, n. 119, con cui il Legislatore aveva voluto attribuire una specifica valenza alla c.d. violenza assistita, ossia quel complesso di ricadute di tipo comportamentale, psicologico, fisico, sociale e cognitivo, sui minori costretti ad assistere a fatti di violenza domestica, soprattutto a quelli in cui la vittima è la propria madre.

Precisamente la norma, introducendo il comma 11 quinquies, all’art. 61 c.p., e dunque una nuova ipotesi di aggravante comune, testualmente  dispone che:

«l’avere, nei delitti non colposi contro la vita e l’incolumita’ individuale, contro la liberta’ personale nonche’ nel delitto di cui all’articolo 572, commesso il fatto in presenza o in danno di un minore di anni diciotto ovvero in danno di persona in stato di gravidanza».

Ciò ricordato, in un caso di omicidio di una donna da parte del marito, in casa, in un momento in cui erano presenti i due figli minorenni, pur non essendo nella stessa stanza in cui veniva consumato l’omicidio, l’imputato aveva impugnato la sentenza di condanna a 16 anni di reclusione, invocando l’inosservanza o l’erronea applicazione dell’aggravante comune di cui sopra, art. 61, comma 11 quinquies c.cp., proprio in considerazione del fatto che i figli minori, pur essendo presenti in caso, non avevano assistito all’omicidio della madre.

Ed allora, al riguardo, con la sentenza 12328/2017 che qui si segnala, la Prima Sezione della Cassazione, chiarisce che:

«per ritenere sussistente la circostanza aggravante in discorso è sufficiente che il minore percepisca il reato, non essendo richiesto che lo stesso sia commesso davanti ai suoi occhi».

La Corte ricorda, poi, che trattandosi di una circostanza aggravante di tipo oggettivo riguardante la modalità dell’azione a norma dell’art. 70 c.p., la stessa dovrà essere valutata a carico dell’agente se conosciuta ovvero se ignorata per colpa o ritenuta inesistente per errore determinato da colpa.

Tutto ciò premesso, la Corte conclude affermando che:

«la circostanza aggravante di cui all’art. 61, primo comma, n. 11 quinquies, c.p. introdotta dalla legge n. 119/2013 è configurabile tutte le volte che il minore degli anni diciotto percepisca la commissione del reato e anche quando la sua presenza non sia visibile dall’autore il quale, tuttavia, ne abbia la consapevolezza o avrebbe dovuto averla usando l’ordinaria diligenza».

Documenti & Materiali

Scarica la sentenza Cass. Pen., Sez. I, 14/03/2017, n. 12328

     

Articolo pubblicato su Ragionando_weblog, Il notiziario giuridico indipendente v. 4.0 – ISSN 2464-8833. Liberamente utilizzabile, citandone fonte e autore. Potete citare questo articolo come segue:

L’aggravante del delitto commesso ‘in presenza del minore’ In nota a Cass. Pen., Sez. I, 14/03/2017, n. 12328
di Avv. Daniela Gattoni, in Ragionando_weblog, 20/03/2017, http://www.jusdicere.it/Ragionando/laggravante-del-delitto-commesso-in-presenza-del-minore/.

Share
Avv. Daniela Gattoni
Author: Avv. Daniela Gattoni

Avvocato, nata a Pesaro il 20 agosto 1963. Iscritto all’Albo degli Avvocati di Pesaro dal 1992. Abilitata al patrocinio dinanzi alle magistrature superiori dal 2004. Autrice e componente della redazione. Cura, in particolare, la sezione famiglia di Ragionando_weblog - ISSN 2464-8833.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *