Decreto ‘Destinazione-Italia’: (ri)riforma del condominio

By | 30/12/2013


Nelle pieghe di uno degli ultimi provvedimenti legislativi governativi (il D.L. 23/12/2013, n. 145, noto anche come decreto ‘Destinazione Italia’) si nascondono alcuni interventi di rilievo che vanno ad incidere sulla riforma del condominio approvata con L. 11/12/2012, n. 220.

Le modifiche non sono molte, ma  sono comunque significative, concernendo temi ‘sensibili’, quali le maggioranze assembleari, i requisiti per svolgere l’attività di amministratore, la costituzione dei fondi, gli interventi straordinari, etc.

Le novità in sintesi

Quello che segue è lo schema delle novità introdotte:

Le novità della riforma – D.L. 145/2013 (decreto ‘Destinazione Italia’)
Articolo di riferimento Testo Effetto
1, 9° co., lett.a con Regolamento del Ministro della giustizia, emanato ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono determinati i requisiti necessari per esercitare l’attivita’ di formazione degli amministratori di condominio nonche’ i criteri, i contenuti e le modalita’ di svolgimento dei corsi della formazione iniziale e periodica prevista dall’articolo 71-bis, primo comma, lettera g), delle disposizioni per l’attuazione del Codice civile, per come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220 delega regolamentare per l’individuazione dei requisiti necessari a svolgere l’attività di amministratore condominiale e per la formazione successiva
1, 9° co., lett.b
all’articolo 1120, secondo comma, n. 2, del Codice civile, come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220, le parole «per il contenimento del consumo energetico degli edifici» sono soppresse alleggerimento delle maggioranze prescritte per le deliberazioni aventi ad oggetto il contenimento del consumo energetico negli edifici
1, 9° co., lett.c all’articolo 1130, primo comma, n. 6, del Codice civile, come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220, dopo le parole: «nonche’ ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza» sono inserite le seguenti: «delle parti comuni dell’edificio» limitazione dell’informativa contenuta nel registro di anagrafe condominiale ai dati relativi alle condizioni di sicurezza delle sole parti comuni (e non, invece, anche di quelle di proprietà esclusiva)
1, 9° co., lett.d all’articolo 1135, primo comma, n. 4, del Codice civile, come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220, e’ aggiunto, in fine, il seguente periodo: «se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo puo’ essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti» accantonamenti al fondo per interventi straordinari limitato ai singoli  S.A.L. (nell’ipotesi di pagamenti ripartiti in  Stati Avanzamento Lavori)
1, 9° co., lett.e all’articolo 70 delle disposizioni per l’attuazione del Codice civile, come modificato dalla legge 11 dicembre 2012, n. 220, dopo le parole: «spese ordinarie» sono aggiunte le seguenti: «L’irrogazione della sanzione e’ deliberata dall’assemblea con le maggioranze di cui al secondo comma dell’articolo 1136 del Codice» irrogazione delle sanzioni per le infrazioni al regolamento condominiale rimessa all’assemblea dei condomini con la maggioranza di cui all’art. 1136, 2° co., c.c.

Con buona pace della certezza del diritto…è un decreto legge

Da ultimo, vale la pena di rilevare che, con buona pace della certezza del diritto, il testo che vi stiamo sottoponendo è un decreto legge (ovviamente, non è dato sapere dove risiedesse la “straordinarietà” del caso e la “necessità ed urgenza” di intervenire ex art. 77 Cost.; ma interessa ancora a qualcuno domandarselo?). Siamo quindi, in presenza del solito testo normativo ‘virtuale’.

Perciò, nell’attesa di conoscere quello che sarà il testo ‘reale’ della mini (ri)riforma del condominio (e dell’eventuale disciplina transitoria),  non resta che aggiornare la nostra pagina “Riformismi” con la voce n.52  e attendere gli eventi.

Admin  😎 (e, come sempre, keep in touch)

Documenti & materiali

Leggi il testo del D.L. 23/12/2013, n. 145 – Destinazione Italia
Leggi il testo della L. 11/12/2012, n. 220, Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici
Leggi l’articolo «Le modifiche alla legge di riforma del condominio introdotte dal D.L. 145/2013» su www.legislazionetecnica.it

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.