Avv. Daniela Gattoni

Avvocato, nata a Pesaro il 20 agosto 1963. Iscritto all’Albo degli Avvocati di Pesaro dal 1992. Abilitata al patrocinio dinanzi alle magistrature superiori dal 2004. Autrice e componente della redazione. Cura, in particolare, la sezione famiglia di Ragionando_weblog - ISSN 2464-8833.

Author Archives: Avv. Daniela Gattoni

L’impugnazione penale proposta dalla parte civile ed il giudizio di rinvio in caso di annullamento: intervengono le SS.UU. Cass. Pen., SS.UU., 04/06/2021, n. 22065

Il principio di diritto Quella dell’azione civile nel processo penale, delle sue applicazioni e conseguenze, ed in generale il rapporto dell’azione civile rispetto all’azione penale, è sempre stata una questione piuttosto dibattuta ed al tempo stesso affascinante proprio per la sua complessità. Con la sentenza 28/01/2021, n. 22065, pubblicata in data 04/06/2021, che qui si segnala, le Sezioni… Read More »

Questione tributaria e definizione agevolata: le Sezioni Unite Corte Cass, SS.UU., 25/06/2021, n. 18298

Con la pronuncia n. 18298 del 25/06/2021, le Sezioni Unite, a risoluzione di un contrasto, hanno affermato il seguente principio di diritto: «L’impugnazione della cartella di pagamento, con la quale l’amministrazione finanziaria liquida, in sede di controllo automatizzato, ex art. 36 bis del d.P.R. n. 600/1973, le imposte calcolate sui dati forniti dallo stesso contribuente, dà origine a… Read More »

Diffamazione a mezzo stampa: si pronuncia la Corte Costituzionale Tra libertà di manifestazione del pensiero e tutela della reputazione individuale

Con una pronuncia del 22/06/2021, ancora non pubblicata, la Corte Costituzionale si è pronunciata dichiarando l’incostituzionalità dell’articolo 13 della legge sulla stampa (L. 08/02/1948, n. 47) che prevede obbligatoriamente la reclusione da uno a sei anni insieme al pagamento di una multa, nel caso di condanna per diffamazione a mezzo stampa compiuta mediante l’attribuzione di un fatto determinato.… Read More »

Impugnazione del riconoscimento del figlio: incostituzionalità della decorrenza del termine annuale sentenza Corte Costituzionale, 25/06/2021, n. 133

Con la sentenza n. 133 del 25/06/2021, che qui si segnala, la Corte Costituzionale si pronuncia su una questione di particolare delicatezza ed importanza, qual è quella dell’impugnazione del riconoscimento del figlio e ne dichiara l’illegittimità costituzionale. Precisamente, nel corso di un giudizio di impugnazione del riconoscimento del figlio per difetto di veridicità, il Tribunale ordinario di Trento… Read More »

Il rapporto tra la sentenza di divorzio e quella di delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio: le Sezioni Unite risolvono il contrasto. Cass. Civ., Sezioni Unite, 31/03/2021, n. 9004

Il rapporto tra la sentenza di cessazione degli effetti civili del matrimonio e la delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità dello stesso, è foriera di varie problematiche che la giurisprudenza di legittimità, negli anni, ha affrontato e tentato di risolvere. La problematicità dei rapporti tra le due pronunce, poi, assume una rilevanza particolare quando si discute di assegno… Read More »

L’obbligazione sussidiaria del nonno al mantenimento del nipote In nota a Cass. Civ., Sez. VI, 14/07/2020, n. 14951

L’art. 316 bis, 1 comma, cc, che è andato a sostituire ed integrare il vecchio art. 148 cc in punto di obbligo contributivo, dispone: i genitori devono adempiere i loro obblighi nei confronti dei figli in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacita’ di lavoro professionale o casalingo. Quando i genitori non hanno mezzi sufficienti, gli… Read More »

Abbandono del tetto coniugale e addebito In nota a Cass. Civ., Sez. VI, 23/06/2020, n. 12241

Dall’art. 143 cc discendeno i doveri che si assumono con il matrimonio, tra cui quello della coabitazione. Precisamente: dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione. Ma cosa succede se un coniuge viola il suddetto principio di coabitazione? Anche questa violazione, come del resto quella della fedeltà… Read More »

Quando la riconciliazione impedisce il divorzio In nota a Cass. Civ., Sez. I, 16/06/2020, n. 11636

La riconciliazione tra i coniugi è la condizione ostativa per eccellenza che osta alla dichiarazione di cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario o allo scioglimento del matrimonio civile. Precisamente l’art. 3 della L. 01/12/1970, n. 898 e succ. mod. elenca una serie di ipotesi in cui è possibile chiedere il divorzio precisando tuttavia che: in tutti i… Read More »

Giudizio di delibazione della sentenza di nullità del matrimonio e rilevabilità d’ufficio In nota a Cass. Civ., Sez. VI, 16/06/2020, (ud. 19/02/2020, dep. 16/06/2020), n.11633

Con un nostro articolo dell’11/12/2019 cui rimandiamo, si è trattato del delicato e complesso procedimento di delibazione della sentenza dichiarativa di nullità del matrimonio. Gli aspetti forse più critici di questo procedimento sono, da un lato, l’individuazione delle ragioni di ordine pubblico a tutela delle quali il vaglio da effettuarsi in sede giudizio di delibazione deve ispirarsi e… Read More »

Il diritto dei nonni di frequentare il nipote è recessivo rispetto a quello del nipote medesimo alla crescita sana ed equilibrata In nota a sentenza Cass. Civ.,Sez. I, 19/05/2020, n. 9145

La previsione codicistica del diritto L’attuale codice civile, per effetto della riforma introdotta con il D.L.vo 28/12/2013, n. 154, riconosce agli ascendenti, i nonni, un diritto ad avere un rapporto significativo con i nipoti minorenni. Precisamente, il diritto è disciplinato all’art. 317 bis cc secondo il quale: «gli ascendenti hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti… Read More »

L’intramontabile principio della bigenitorialità In nota a Cass. Civ., Sez. I, 19/05/2020, n. 9143

 L’art. 337 ter cc dispone che «il figlio minore ha diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno dei dei genitori» e, d’altro canto, l’art. 337 quater cc dispone che «il giudice può disporre l’affidamento dei figli ad uno solo dei genitori qualora ritenga con provvedimento motivato che l’affidamento all’altro sia contrario all’interesse del minore». Quello… Read More »