D.d.l. di riforma del processo civile: il comunicato del CNF

By | 19/12/2013


Anche il Consiglio Nazionale Forense è intervenuto con una netta presa di posizione in ordine al disegno di legge di riforma del processo civile, in ordine al quale vi abbiamo riferito, da ultimo, in un post di questa mattina.

Riportiamo, di seguito, il testo integrale della nota, scaricato dal sito del CNF, sotto l’eloquente titolo “Il più radicale dissenso sul disegno di legge delega”.

“Il Consiglio Nazionale Forense in relazione allo schema di disegno di legge che delega il Governo all’emanazione di disposizioni riguardanti il processo civile approvato nel corso del Consiglio dei Ministri di ieri, esprime il proprio radicale dissenso sul provvedimento in generale e la ferma riprovazione per taluni dei suoi contenuti.

Il disegno di legge, il cui studio il CNF si riserva di approfondire, si pone in contrasto con l’iniziativa assunta dal Ministro della Giustizia, non più tardi del giugno di quest’anno, con la costituzione di una Commissione mista di avvocati, magistrati e professori universitari presieduta dal professor avvocato Romano Vaccarella, per formulare proposte di interventi su processo civile e mediazione nell’ambito di un progetto organico volto ad eliminare le criticità prodotte dagli interventi estemporanei succedutisi negli anni; nonostante la commissione stesse per sottoporre il suo progetto, il Ministro ha contraddetto sé stesso facendosi promotore di modifiche nuovamente estemporanee, scollegate da una visione di insieme, causa di ulteriori criticità.

Lo schema di ddl delega, deliberatamente elaborato ancora una volta senza tener conto dell’avvocatura in contrasto con l’articolo 35, comma 1, lett. q) della legge n. 247/2012 (legge di riforma dell’ordinamento forense), esprime un pregiudizio infondato e sgradevole nei confronti della categoria degli avvocati visti come causa prima delle lungaggini del processo, aggiungendo alle norme che hanno sin qui punito la professione con previsioni di decadenze, inammissibilità, riduzione di compensi, quella sulla solidarietà del difensore con l’assistito per i casi di condanna ex articolo 96 del codice di procedura civile (lite temeraria) così ignorando, tra l’altro, un principio elementare di diritto e di etica che vuole distinto il ruolo del difensore da quello dell’assistito.

Desta sconcerto la previsione per cui il giudice motiva la sentenza solo se chi lo richiede paga prima un nuovo balzello pari alla metà del contributo unificato previsto per l’appello.

Pur in presenza di altre norme che, prese isolatamente, possono contribuire a snellire il processo e l’attuazione della sentenza, è riprovevole il metodo seguito ed il pregiudizio alimentato nei confronti della categoria la quale si è sempre – ma inutilmente – dichiarata disponibile all’interlocuzione col Ministero offrendo la sua collaborazione all’elaborazione di progetti organici di riforma rifiutando la casualità e l’estemporaneità che invece caratterizzano l’azione governativa in materia.”

Abbiamo pensato fosse utile riportarvelo.

Buon proseguimento e, oggi più che mai….keep in touch….

Admin  😎

Documenti & materiali

Scarica il testo del d.d.l. di riforma del processo civile
Scarica il testo della relazione al d.d.l. di riforma del processo civile
Leggi il testo del comunicato stampa del C.d.M.
Guarda la conferenza stampa del Ministro Cancellieri

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.