PCT: stato dell’arte al 31/01/2017

By | 03/03/2017

Il Ministero della Giustizia, come di conseuto, ha reso noti i dati di aggiornamento sul processo civile telematico (PCT), pubblicando lo stato dell’arte del PCT al 31/01/2017.

Dall’analisi effettuata dal Ministero si evidenzia ancora una volta un forte incremento del numero di depositi telematici.

In particolare, nel periodo di riferimento,da Febbraio 2016 a Gennaio 2017:

  • i depositi telematici da parte di avvocati e professionisti sono stati 8.125.457 con un incremento del +16%. Rsipetto alla media mensile l’incremento registrato è del +24% prendendo quali periodi di confronto Febbraio 2015-Gennaio 2016 e Febbraio 2016-Gennaio 2017;
  • i provvedimenti nativi digitali depositati da magistrati (verbali udienze, decreti ingiuntivi e sentenze) sono stati 4.343.858 di cui 1.329.365 verbali di udienza, 412.037 decreti ingiuntivi, 283.307 sentenze, con un incremento del +11%. Il confronto delle medie mensili registra, invece, un incremento del +21%.

Per  quanto riguarda i pubblici elenchi gestiti dal Ministero della Giustizia emerge che:

  • Al ReGIndE risultano essere attivi 1.061.479 soggetti. 253.521 sono avvocati di cui 236.654 dotati di PEC (93%);
  • al Registro Pec delle Pubbliche Amministrazioni risultano iscritte 885 PP.AA., di cui 545 con indirizzo PEC (62%).

Dall’analisi viene confermata la riduzione dei tempi occorrenti per l’emissione dei decreti ingiuntivi telematici nei distretti presi a campione. Rispetto all’anno precedente ogni distretto, eccetto Ancona con un +3%, ha ridotto la propria media: Catania -26%, Milano -22%, Napoli -43%, Roma -51%. Ancona è comunque il distretto, sempre tra quelli presi a campione, che impiega meno tempo per emettere un decreto ingiuntivo: 14 giorni dal deposito.

Il Ministero informa, inoltre, che nel medesimo periodo – Gennaio-Dicembre 2016 – sono state effettuate 19.341.873 comunicazioni telematiche da parte delle cancellerie presso i Tribunali, le Corti d’appello e la Corte di Cassazione, con un risparmio di spesa stimato in 67 milioni di euro (Precisa il Ministero che il calcolo per il risparmio di spesa viene effettuato sul costo medio stimato di € 7,00 a comunicazione tramite ufficiale giudiziario, prudenzialmente dimezzato).

I pagamenti telematici, invece, sono stati 145.058 a fronte di un incasso totale di € 29.516.147.

Documenti & Materiali

Scarica l’aggiornamento dei dati PCT al 31/01/2017

     

Articolo pubblicato su Ragionando_weblog, Il notiziario giuridico indipendente v. 4.0 – ISSN 2464-8833. Liberamente utilizzabile, citandone fonte e autore. Potete citare questo articolo come segue:

PCT: stato dell’arte al 31/01/2017
di RedazioneJD, in Ragionando_weblog, 03/03/2017, http://www.jusdicere.it/Ragionando/pct-stato-dellarte-31012017/.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *