Le regole tecniche antiriciclaggio per gli avvocati emesse dal CNF: esenzioni e regole di verifica

Il CNF, nella seduta del 20 settembre scorso, ha emanato le regole tecniche antiriciclaggio per gli avvocati a mente di quanto previsto dall’art. 1, 2° co, D. Lgs. 25/05/2017, n. 90. Il provvedimento, cui si aggiungono anche il documento che contiene «Criteri e metodologie di analisi e valutazione del rischio di riciclaggio e finanziamento del terrorismo, con particolare… Leggi tutto »

Suicidio assistito: incostituzionale l’art. 580 c.p.

Pubblichiamo il comunicato stampadella Corte Costituzionale relativo alla pronuncia resa ieri in tema di aiuto al suicidio («in attesa del Parlamento»….). «IN ATTESA DEL PARLAMENTO LA CONSULTA SI PRONUNCIA SUL FINE VITA La Corte costituzionale si è riunita in camera di consiglio per esaminare le questioni sollevate dalla Corte d’assise di Milano sull’articolo 580 del Codice penale riguardanti… Leggi tutto »

Tutela del lavoro e crisi aziendali: il decreto “riders” D.L. 03/09/2019, n. 101

Pubblicato in gazzetta il D.L. 03/09/2019, n. 101, contenente «Disposizioni urgenti per la tutela del lavoro e per la risoluzione di crisi aziendali». Il decreto si caratterizza, anzitutto, per l’intento di attribuire forme di garanzia retributiva, assicurativa e previdenziale ai cd. riders, ovverosia quei lavoratori «impiegati nelle attività di consegna di beni per conto altrui, in ambito urbano… Leggi tutto »

La responsabilità di chi agisce per le associazioni non riconosciute tra obbligazione civile e tributaria Cass. Civ., Sez. VI, 06/12/2018-21/01/2019, n. 1489

La responsabilità di chi agisce per le associazioni non riconosciute nella sua declinazione civilistica, da un lato, e tributaria da un lato, in un succinto, ma chiaro, precedente della Suprema Corte (Cass. Civ., Sez. VI, 06/12/2018-21/01/2019, n. 1489), la cui massima è la seguente: «La responsabilità personale e solidale prevista dall’art. 38 c.c., comma 2, per colui che… Leggi tutto »

Sul sequestro giudiziario di azienda comprendente mobili ed immobili Cass. Civ., Sez. II, ordinanza 13/09/2019, n. 22945

Cass. Civ., Sez. II, ordinanza 13/09/2019, n. 22945, in tema di sequestro giudiziario di azienda comprendente mobili ed immobili: «Qualora il sequestro giudiziario ex art. 670, comma secondo c.p.c., abbia ad oggetto un’azienda composta anche di beni immobili ed il custode sia persona diversa dal detentore, al fine di impedire l’inefficacia della misura relativamente a tali beni è… Leggi tutto »

Gratuito patrocinio: la richiesta di liquidazione dei compensi può avvenire anche dopo la chiusura del procedimento Nota a Cass. Civ., II, 09/09/2019, n. 22448

«L’art. 83, comma 3-bis del d.P.R. n. 115 del 2002 non prevede alcuna decadenza a carico del difensore della parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato che abbia depositato l’istanza di liquidazione del compenso dopo la pronuncia del provvedimento che chiude la fase cui la richiesta stessa inerisce, né impedisce al giudice di potersi pronunziare su di… Leggi tutto »

Opposizione a decreto ingiuntivo: la mediazione va presentata dall’opponente o dall’opposto? In attesa delle Sezioni Unite… Nota a Cass. Civ., Sez. III, 12/07/2019, n. 18741

Con una recente ordinanza la Terza Sezione civile della Cassazione ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite ai sensi dell’art. 374, comma 2, c.p.c., la seguente questione di massima di particolare importanza: «se, in tema di opposizione a decreto ingiuntivo, l’onere di esperire il tentativo obbligatorio di mediazione ricada sul debitore opponente, in quanto… Leggi tutto »

Avvocati: viola i doveri di lealtà e correttezza l’avvocato che prosegua nell’azione giudiziaria, nonostante il decesso del cliente, senza informare nessuno Cass. Civ., SS. UU., 13/05/2019, n. 12636

Le Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza che Vi segnaliamo (Cass. Civ., SS. UU., 13/05/2019, n. 12636) hanno stabilito che viola i doveri di lealtà e correttezza l’avvocato che prosegua nell’azione giudiziaria, nonostante il decesso del cliente, senza informare nessuno. Vi riportiamo le massime espresse nella sentenza sopra menzionata: «È legittima la censura per violazione dei doveri… Leggi tutto »

Il mantenimento per i figli deve essere proporzionale al reddito di entrambi i genitori: sembra scontato, ma non lo è. In nota a Cass. Civ., Sez. I, 5/4 -18/07/2019, n. 19455

«A seguito della separazione dei coniugi o dei conviventi more uxorio, nel quantificare l’ammontare del contributo dovuto dal genitore non collocatario per il mantenimento del figlio, deve osservarsi il principio di proporzionalità, che richiede una valutazione comparata dei redditi di entrambi i genitori, oltre all’apprezzamento delle esigenze attuali del figlio e del tenore di vita da lui goduto»… Leggi tutto »

La mediazione deve essere effettiva: il Tribunale di Firenze disattende la Cassazione

«In tema di mediazione obbligatoria il giudice ritiene che già nel corso del primo incontro di mediazione, superata e conclusa la fase dedicata all’informativa delle parti, si debba procedere ad effettiva mediazione. Il primo incontro di mediazione dovrebbe, quindi, avere natura essenzialmente “bifasica” la prima informativa, sulle modalità e funzioni della mediazione, e la seconda di mediazione effettiva.… Leggi tutto »