Approvata dai Ministeri Vigilanti l’abolizione temporanea del contributo minimo integrativo di Cassa Forense

By | 26/04/2018

Dal sito nazionale di Cassa Forense apprendiamo che i Ministeri vigilanti hanno approvato la temporanea abrogazione per gli anni dal 2018 al 2022 del contributo minimo integrativo.

Non sarà pertanto effettuata da Cassa Forense la riscossione della contribuzione minima integrativa per il quinquennio 2018-2022, fermo restando il pagamento del contributo minimo soggettivo nelle consuete quattro rate di febbraio, aprile, giugno e settembre.

Il contributo integrativo nella misura del 4% sull’effettivo volume d’affari prodotto si pagherà direttamente in sede di autoliquidazione (MOD. 5).

Ciò costituirà un effettivo risparmio sui contributi dovuti per moltissimi iscritti che producono un volume d’affari inferiore ad € 17.750,00.

In tal modo ha commentato il Presidente di Cassa Forense Avv. Nunzio Luciano:

«con questo provvedimento vogliamo andare incontro, ancora una volta, all’avvocatura più debole. È stata una corsa: in tempi brevissimi, grazie ad un grande lavoro di squadra, siamo riusciti ad arrivare all’approvazione della misura da parte del Comitato dei Delegati e al consenso da parte dei tre Ministeri vigilanti, che ringraziamo per i tempi rapidi dell’istruttoria».

     

Articolo pubblicato su Ragionando_weblog, Il notiziario giuridico indipendente v. 4.0 – ISSN 2464-8833. Liberamente utilizzabile, citandone fonte e autore. Potete citare questo articolo come segue:

Approvata dai Ministeri Vigilanti l’abolizione temporanea del contributo minimo integrativo di Cassa Forense
di RedazioneJD, in Ragionando_weblog, 26/04/2018, http://www.jusdicere.it/Ragionando/approvata-dai-ministeri-vigilanti-labolizione-temporanea-del-contributo-minimo-integrativo-di-cassa-forense/.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *